Conoscevamo le qualità protettive dell’allattamento al seno contro il cancro al seno. Sembrerebbe che questa pratica protegga anche dalle malattie cardiovascolari. Questa è la scoperta di una squadra austriaca su uno studio comparso sul Journal of the American Heart Association.

Allattamento al seno contro le malattie cardiovascolari

Salute – L’allattamento al seno protegge la salute dei bambini riducendo notevolmente la frequenza di bronchiolite, polmonite e infezioni dell’orecchio e riducendo il rischio di sindrome della morte improvvisa del lattante. Protegge anche la salute delle madri riducendo il rischio di cancro al seno e alle ovaie e quello del diabete di tipo 2. Uno studio recente aggiunge a questo elenco le malattie cardiovascolari, compreso l’ictus.

Per verificarlo, gli autori dell’Università di Medicina di Innsbruck, in Austria, hanno esaminato i dati di 8 studi su 1,2 milioni di donne che hanno partorito tra il 1986 e il 2009, in Australia, Cina, Norvegia, Giappone o Stati Uniti. Hanno quindi confrontato il legame tra il possibile allattamento al seno e il rischio cardiovascolare di queste donne.

Meno del 12% di rischio di ictus

Il risultato è chiaro: l’allattamento al seno protegge dagli eventi cardiovascolari. Nel dettaglio, rispetto alle donne che non hanno mai allattato al seno, quelle che hanno allattato al seno almeno una volta nella vita hanno un rischio complessivo ridotto dell’11% di sviluppare malattie cardiovascolari. E dopo un follow-up di 10 anni, il rischio di malattia coronarica si riduce del 14% in queste stesse donne. Per gli ictus, è ridotto del 12%. Il rischio di morte per malattie cardiovascolari è ridotto del 17%.

Nessuna differenza è stata osservata in base all’età della donna al parto o in base al numero di gravidanze.

Incoraggiare e sostenere

Questi risultati supportano ulteriormente le argomentazioni delle organizzazioni sanitarie globali, come l’OMS o l’Atlanta CDC, che raccomandano l’allattamento al seno esclusivo per almeno 6 mesi. Tuttavia, secondo gli autori, solo 1 neonato su 4 riceve l’allattamento esclusivo al seno per così tanto tempo.

“È importante che le donne siano consapevoli dei benefici dell’allattamento al seno per la salute del proprio bambino ma anche per la propria” , sottolineano gli autori. E per incoraggiarli a farlo, è anche essenziale creare un ambiente favorevole, in particolare sul posto di lavoro, nonché il sostegno dell’ambiente e della società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.