Allergia ai pollini, Si può curare? Con la primavera arrivano la rinite e altre riacutizzazioni dell’asma favorite dal polline nell’aria. Chi soffre di allergie lo sa. Ma è possibile curare l’allergia ai pollini? E come?

allergia-ai-pollini

Salute – Innanzitutto è fondamentale ricordare che no, un’allergia non si cura. Anche se in alcuni casi la desensibilizzazione può avere un effetto mitigante, stimolando il sistema immunitario e rendendo il paziente più tollerante alla sostanza. Infatti nel caso di allergie ai pollini questo trattamento appare molto efficace. Detto questo, non si può parlare di cura. in ogni caso, quindi, il principale “trattamento” è in realtà l’eliminazione dell’allergene,ovvero , evitare assolutamente il contatto con il polline che causa i sintomi.

Più facile a dirsi che a farsi ? Infatti, come ammette l’Assurance Maladie sul suo sito web ameli.fr, “Evitare l’allergene in determinati periodi dell’ anno è pressocchè impossibile in caso di pneumallergene (polline, graminacee, acari della polvere, ecc.). Tuttavia, è possibile ridurre l’esposizione e abbassare il livello dei sintomi attuando tutta una serie di misure preventive .

E c’è anche una serie di trattamenti sintomatici. La terapia deve essere adattata ai sintomi sperimentati. Così, ” la rinite allergica è spesso migliorata, a seconda della sua intensità, da antistaminici e trattamenti locali, da soluzioni nasali (corticosteroidi o antistaminici) associate a lavaggi nasali”, come indica il ministero della salute. “Maltamente tollerati in passato, a causa del loro effetto sedativo molto marcato, gli antistaminici di ultima generazione sono più efficaci e molto poco sedativi”, sottolinea il Centro Ospedaliero Universitario di Vaud in Svizzera.

Quanto all’asma , «si tratta in modo tale da calmare l’attacco acuto. Se necessario, può essere prescritto un trattamento quotidiano per inalazione di corticosteroidi “, continua Medicare. Contro la congiuntivite allergica sono efficaci gli antistaminici e l’uso di colliri antistaminici.

Tuttavia, “questi trattamenti non curano l’allergia, mirano a fermare o limitare i sintomi dell’allergia e quindi a migliorare la qualità della vita”, ricorda l’Associazione italiana per la prevenzione delle allergie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.