Almanacco – 20 Aprile la chiesa ricorda e festeggia :

Sant’Agnese di Montepulciano (Vergine)
Santa Adalgisa (Vergine)
Santa Sara di Antiochia (Martire)

ACCADDE OGGI

Ferrero produce il primo vasetto di Nutella
lunedì 20 aprile 1964  

Nasce come dolce dei poveri nel pieno dei favolosi anni Sessanta. In poco tempo, mezzo mondo si accorge di non potere più farne a meno, scatenando un fenomeno sociale che non conosce declino. Dal cinema alla letteratura in tanti rendono omaggio alla Nutella, quale eccellenza del made in Italy e simbolo intergenerazionale di puro edonismo.

La storia di questo successo planetario inizia in una pasticceria di via Rattazzi, ad Alba, nel mezzo della Seconda guerra mondiale. Qui l’imprenditore cuneese Pietro Ferrero allestisce un laboratorio dolciario, dove sperimenta ricette innovative per l’epoca, facendo spesso di necessità virtù. Nello specifico, la pesante tassazione sull’importazione dei semi di cacao lo costringe a cercare un ingrediente da associare al cacao, facilmente reperibile e dal costo contenuto.

Di qui l’intuizione di utilizzare le nocciole, prodotto tipico delle Langhe, dalle quali riesce a ricavare una crema che commercializza con il nome di Giandujot, in omaggio alla nota maschera del carnevale piemontese. Venduta in blocchi da taglio, avvolti in carta stagnola, la speciale pasta incontra il favore della clientela, specialmente di quella meno abbiente come ad esempio i contadini, che per il suo valore energetico la reputano una colazione efficace per affrontare la giornata lavorativa.

In poco tempo la popolarità del Giandujot e le sempre più crescenti richieste delle altre pasticcerie spingono Ferrero ad abbandonare la semplice dimensione artigianale, dando vita nel 1946 a una vera e propria azienda che ancora oggi porta il suo nome. L’eredità di Pietro viene raccolta dal figlio Michele Ferrero che nel 1951 trasforma la ricetta del padre nella Supercrema, venduta in grandi barattoli. Dodici anni più tardi ne rivede la formula scoprendo quel gusto inconfondibile che resterà immutato per sempre.

Il nome “Supercrema” lo convince poco e per lanciare il nuovo prodotto studia un nome più accattivante. Partendo dall’elemento cardine, la nocciola, prende la traduzione inglese nut e la unisce con il suffisso -ella, che dà l’idea di una crema densa e vellutata, da gustare spalmata su una fetta di pane. Quest’ultima immagine viene integrata nel logo (tuttora invariato) sotto la scritta nutella, con la caratteristica “n” di colore nero e il resto della parola scritta in rosso.

Confezionato nei famosi bicchieri Kristal, il primo prodotto esce dalla fabbrica di Alba il 20 aprile del 1964. L’anno successivo conquista il mercato tedesco e prima della fine degli anni Sessanta attraversa l’oceano per approdare negli Stati Uniti d’America. L’indimenticabile spot di Carosello nel 1967, costruito sulla serie animata del “gigante amico”, spalanca alla nutella la quotidianità di milioni di bambini. Da quel momento la crema di cioccolato e nocciole ipoteca l’ora della merenda dei giovanissimi e non solo.

Nei successivi decenni si conferma come fenomeno di costume, entrando a pieno titolo nel dizionario italiano (nel 1995 il prestigioso Devoto-Oli la inserisce tra i suoi lemmi) e nella forma parlata come sinonimo di crema di cioccolato. Dotata come la Coca-Cola di un ingrediente segreto, la Nutella è il prodotto di punta della filiera di prodotti Ferrero, di cui rappresenta il 15 per cento delle vendite in tutto il mondo.

Le stime più recenti indicano una produzione annua di 3,5 milioni di quintali e a consumarne di più sarebbero i cittadini del Lussemburgo, con una media pro capite di un chilo all’anno; in Italia la media è di 800 grammi a testa

NATI IN QUESTO GIORNO

1949 – Jessica Lange 

1893 – Joan Miró

AFORISMA DEL GIORNO

L’unico limite alla nostra realizzazione di domani saranno i nostri dubbi di oggi. Franklin Delano Roosevelt

Oggi, 20 aprile, è la Giornata Mondiale della Marijuana, detta anche Cannabis Day, che ha un’ origine ben precisa.
In questo giorno, infatti, negli Stati Uniti, precisamente in California, nel 1972, un gruppo di giovani ragazzi chiamato “Waldos”, perché passava le giornate sul muretto (wall) vicino la scuola, scoprì l’esistenza di un campo abbandonato di cannabis.
I ragazzi decisero, così , di cercarlo ogni giorno alle 4:20  per andare a cercarlo insieme.
Anche se, in realtà, non riuscirono mai a trovare la piantagione, “4:20” divenne, ufficialmente, la parola in codice per incontrarsi e fumare. 

5 COSE CHE FORSE NON SAI

Nel 1984 Michael Jackson vinse otto Grammy, la somma più alta mai vinta da una persona in un solo anno

L’acido solfidrico è un composto presente nelle scoregge. Questo elemento è il responsabile della puzza che avvertiamo

I cani ed i gatti possono sognare esattamente come gli esseri umani

La tartaruga verde si è guadagnata questo nome perché il suo grasso corporeo è color verde

La Regina d’Inghilterra Elisabetta II, ha una ricchezza stimata di circa 340 milioni di sterline, poco più di 400 milioni di euro

fonti: http://www.mondi.it/; https://curiositadalmondo.it/

https://t.me/Almancco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.