Almanacco – 30 Aprile la chiesa ricorda e festeggia :

San Pio V e San Mercuriale di Forlì

ACCADDE OGGI

Mercoledì 30 aprile 1975 Finisce la guerra in Vietnam: «Questa è un sporca guerra crudele ma spero che voi a casa riusciate a capire perché la combattiamo». Furono le ultime parole indirizzate da un soldato americano alla sua famiglia, prima di morire in battaglia nel 1969. Sei anni dopo terminava uno dei conflitti più sanguinosi del Novecento, che avrebbe lasciato sul terreno i corpi straziati di milioni di innocenti e di giovani soldati mandati a morire senza un perché.

Iniziata ufficialmente nel 1955, la guerra in Vietnam aveva visto intensificarsi l’intervento statunitense nel 1964, con bombardamenti a tappeto e attacchi via terra. Teatro degli scontri era stato in prevalenza il territorio del Vietnam del Sud, dove le forze insurrezionali filo-comuniste (chiamati Viet Cong) si opponevano al regime fantoccio sostenuto dagli USA in funzione antisovietica.

Dieci anni di strategie militari fallimentari e di proteste dell’opinione pubblica americana per le ingenti perdite umane portarono il governo Nixon, indebolito dallo scandalo Watergate, a decidere il totale ritiro delle truppe e a firmare la pace di Parigi nel gennaio del 1973. Il bilancio finale dei morti consegnò numeri drammatici su entrambi i fronti: 4 milioni di civili e un milione di soldati tra i vietnamiti, 58.226 tra i soldati USA. A questo si aggiunse un numero imprecisato di feriti, in molti rimasti mutilati e invalidi per il resto della vita. Sul piano economico le operazioni belliche costarono alle casse di Washington circa 165 miliardi di dollari.

NATI IN QUESTO GIORNO

Nel  1777 Ricordato come il più grande matematico della modernità – Carl Friedrich Gauss 

Nel 1959 lo storico, accademico e scrittore italiano Alessandro Barbero

AFORISMA DEL GIORNO

“Più si riesce a guardare indietro, più avanti si riuscirà a vedere.” Winston Churchill

La musica ha dimostrato attraverso le varie epoche di essere un potente strumento di comunicazione. Come è noto, il Jazz è una forma di musica nata, all’inizio del 900, dall’incontro tra la cultura africana e quella europea, propagatasi inizialmente nel sud degli Stati Uniti per poi diffondersi in tutto il mondo, prendendo il meglio dalle varie nazioni e arricchendosi attraverso la fusione delle diverse culture. Oggi è una forma d’arte internazionale che parla tante lingue: è un mezzo di comunicazione che trascende le differenze di razza, religione, etnia o nazionalità . Appartiene al mondo ed è un formidabile strumento di dialogo interculturale, di unificazione e di coesistenza pacifica. è per questo motivo che l’UNESCO ha deciso di celebrare il 30 aprile di ogni anno la “Giornata Internazionale del Jazz” in tutto il mondo.

5 COSE CHE FORSE NON SAI

La Festa dei lavoratori commemora i tragici eventi del 1886 a Chicago (USA): diversi lavoratori persero la vita quando entrarono in sciopero chiedendo turni di 8 ore.

 L’inno nazionale più lungo è quello della Grecia: ben 158 versi 

Il primo articolo scannerizzato con il codice a barre è stato venduto in un supermercato degli Stati Uniti in Ohio. Si trattava di un pacchetto di gomme da masticare

Secondo le statistiche gli oceani della Terra dovrebbero contenere una quantità di oro del valore di circa 660 trilioni di euro

Marco Hort e riuscito ad inserire in bocca 264 cannucce, battendo il record mondiale

fonti: http://www.mondi.it/; https://curiositadalmondo.it/

https://t.me/Almancco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.