Almanacco – Oggi 30 Dicembre 2021 la Chiesa ricorda e festeggia :

Sant’Eugenio di Milano, San Ruggero di Canne, San Savino di Assisi 

ACCADDE OGGI

Nel 1968 Frank Sinatra incide My Way«Ho amato, ho riso e pianto; ho avuto le mie soddisfazioni, la mia dose di sconfitte. E allora, mentre le lacrime si fermano, trovo tutto molto divertente. A pensare che ho fatto tutto questo; e se posso dirlo, non sotto tono. “No, oh non io, l’ho fatto alla mia maniera”».

È una delle ultime strofe, forse la più significativa, di My Way, brano che Frank Sinatra registrò un martedì di dicembre, negli studi della Reprise ad Hollywood. Nemmeno lui, The Voice (il suo soprannome più celebre), sospettava che sarebbe diventato l’inno del mito americano del self-made man, dell’uomo che si è fatto da sé e che ha vissuto tutta la vita «a modo suo», senza rimpianti.

Tutto ebbe inizio in Francia, verso la metà degli anni Sessanta, grazie a uno sconosciuto compositore di nome Jacques Revaux che creò una triste melodia accompagnata da un testo in inglese, subito bocciata dai suoi produttori. La musica conquistò invece Claude François, artista pop che in quegli anni iniziava a scalare le classifiche con riuscite cover di hit americane (come If I had a hammer, nota in Italia nella versione Datemi un martello di Rita Pavone).

François mantenne la base musicale di Revaux, cambiando totalmente il testo e optando per la lingua francese: ne uscì un malinconico ritratto della routine coniugale dal titolo Comme d’habitude (in italiano “come al solito”). L’immediato successo spinse l’artista transalpino a tentare la fortuna anche nel contesto italiano ma con scarsi risultati (la versione tradotta da Andrea Lo Vecchio finì sul lato B di un 45 giri dal titolo Se torni tu).

Nel frattempo, Comme d’habitude veniva passata ogni giorno in tutte le radio francesi e il caso volle che in quel periodo si trovasse a passare da quelle parti Paul Anka (autore della celebre Diana). Quest’ultimo ne rimase folgorato e, dopo aver raggiunto un accordo sui diritti, decise di ricavarne una nuova versione in inglese.

Ci lavorò per una notte intera e alle 5 del mattino chiamò Sinatra in Nevada, dicendogli: «Ho qualcosa di veramente speciale per te». Il suo primo pensiero era andato istintivamente all’amico e collega Frank che riteneva il più adatto a interpretarla. All’entusiasmo di Paul si contrappose l’iniziale perplessità del collega (che proprio in quel periodo meditava di ritirarsi dalle scene), di fronte a un testo che parlava di una persona giunta sul viale del tramonto.

A convincerlo che si trattava invece di un inno alla vita, e alla grandezza di un uomo che

vissuto senza rimpianti, fu la figlia Nancy. In molti sono convinti che si debba ringraziare lei se quel martedì 30 dicembre venne incisa una delle più belle canzoni di sempre. Inclusa nell’omonimo album edito a febbraio dell’anno seguente, My Way conquistò presto le prime posizioni delle classifiche Usa.

Negli anni a seguire divenne uno dei pezzi preferiti da Sinatra che la eseguì in tutti i suoi concerti, fino al definitivo ritiro nel 1995. A omaggiarla con interpretazioni d’autore furono mostri sacri del rock come Elvis Presley e più recentemente star del calibro di Celine Dion e Michael Bublé. Ad oggi sono 132 le versioni recensite, tra le italiane quella di Mina è stata la più apprezzata anche dallo stesso Sinatra.

Il brano venne a tal punto identificato con The Voice, che nell’Unione Sovietica si parlò di dottrina sinatra a proposito della politica estera del governo Gorbačëv, indirizzata alla non ingerenza negli affari interni delle nazioni alleate del Patto di Varsavia. Fu chiamata così dal funzionario russo Gerasimov, con riferimento alla condizione di piena autonomia di quei paesi che potevano agire “a modo loro”, come il protagonista di My way.

NATI IN QUESTO GIORNO

Nel  1946 la sacerdotessa (“maledetta”) del rock,– Patti Smith 

Nel  1953 Tra i protagonisti della sfera imprenditoriale italiana- Diego Della Valle 

AFORISMA DEL GIORNO

La vita non è lunga. Non bisogna passarne una parte troppo grande in vaghe decisioni su come spenderla.
(Samuel Johnson)

5 COSE CHE FORSE NON SAI

La vetta più alta del sistema solare è il monte Olimpo. Si trova su Marte ed è alto 21 chilometri, quasi tre volte il Monte Everest.

Le giraffe non hanno corde vocali e comunicano facendo vibrare l’aria attorno al collo.

La roulette ha anche un altro nome: “Il gioco del diavolo”. Ciò è dovuto al fatto che sommando tutti i numeri della roulette, si ottiene 666.

Per oltre 70 anni il trattamento standard per l’artrite reumatoide consisteva in iniezioni di una sospensione liquida di oro, che agiva come un anti-infiammatorio

Secondo uno studio dell’Università dell’Arizona del 2009, un bacio ha lo stesso effetto rilassante dello yoga e della meditazione.

fonti: http://www.mondi.it/almanacco; https://curiositadalmondo.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.