Almanacco – Oggi 30 Gennaio 2022 la Chiesa ricorda e festeggia :

Santa Martina (Martire)
Santa Giacinta Marescotti (Religiosa)

ACCADDE OGGI

30 gennaio 1873 Verne pubblica “Il Giro del mondo in 80 giorni”

«Nell’anno 1872, la casa segnata con il numero 7 di Saville Row, Burlington Gardens – nella quale morì Sheridan nel 1814 – era abitata da Phileas Fogg, esq. uno dei membri più originali e più in vista del Reform Club di Londra, nonostante il suo apparente proposito di non far nulla che potesse attirare l’attenzione altrui».

Comincia così Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne, uno dei romanzi più celebri nella storia della letteratura d’avventura, da cui ebbe origine una nuova concezione del viaggio, antesignana del moderno concetto di turismo.

In dieci anni di attività, lo scrittore francese, originario di Nantes, aveva già strabiliato i suoi lettori con appassionanti avventure tra scienza e immaginazione. Dal romanzo d’esordio Cinque settimane in pallone al capolavoro Ventimila leghe sotto i mari, l’idea del viaggio come scoperta di nuovi mondi e insieme impresa straordinaria, spesso oltre i limiti delle umane possibilità, era stato fin qui il leitmotiv delle sue storie.

Il contesto storico, del resto, alimentava questo spirito d’avventura: si era nel pieno dell’Età dell’imperialismo, con le grandi potenze a contendersi pezzi di continenti, ricchi di risorse e strategici nelle rotte commerciali. Accanto a ciò, nel 1870 era avvenuto qualcosa che probabilmente aveva lasciato il segno nell’immaginario di Verne. L’imprenditore americano George Francis Train, specializzato nella costruzione di linee ferroviarie, aveva compiuto il giro del globo in treno e la sua impresa era stata esaltata da radio e giornali.

Esattamente tre anni dopo venne dato alle stampe Il giro del mondo in 80 giorni. Protagonista della storia è Phileas Fogg, un ricco signore londinese, riservato e dall’aria enigmatica, amante esasperato della puntualità e della regolarità. La sua pignoleria è tale che arriva a licenziare il suo vecchio domestico, colpevole di avergli portato l’acqua per la barba a una temperatura di 29° centigradi invece di 30°.

La medesima regolarità caratterizza la sua quotidianità, che trascorre tra partite a carte e pranzi all’esclusivo Reform Club, di cui è socio. La mattina del 2 ottobre, leggendo il Daily Telegraph apprende della rapina alla Banca d’Inghilterra e dell’apertura di una linea ferroviaria in India che, secondo l’articolista, permetterebbe di completare il giro del mondo in 80 giorni.

Ne nasce una sfida con gli altri soci che sono pronti a scommettere 20mila sterline che l’impresa è impossibile. Fogg accetta la scommessa e si dice pronto a dimostrare in prima persona il contrario, sapendo di giocarsi metà del suo patrimonio.

Parte la sera stessa insieme al nuovo cameriere Jean Passpartout, che si rivelerà un valido e fidato compagno di viaggio, e promette di ritornare a Londra entro sabato 21 dicembre. Inizia un viaggio che tra mille difficoltà ed insidie lo porta da Calcutta a New York, passando per Hong Kong. A mettergli i bastoni tra le ruote c’è l’inviso ispettore di Scotland Yard, Fix, il quale, ingannato dalla somiglianza con l’identikit, individua in Fogg il rapinatore della Banca d’Inghilterra e gli si mette alle calcagna lungo tutto il cammino.

Il romanzo ebbe un impatto immediato sul pubblico e fu fonte d’ispirazione per numerose imprese che di lì a poco fiorirono. Il primo tentativo fu della giornalista Nellie Bly che ripercorse le tracce del personaggio immaginario di Verne, portando a termine il giro in 72 giorni. Tanti altri dopo di lei presero a viaggiare per il mondo, in treno o con i mezzi più improvvisati (come la bicicletta), inaugurando quel fenomeno dei globetrotters che ebbe il suo periodo d’oro nel primo trentennio del XX secolo.

Furono innumerevoli le trasposizioni del romanzo dal cinema alla televisione. Tra i film di maggior successo, quello diretto da Michael Anderson nel 1956 e con David Niven nel ruolo di Fogg, si aggiudicò cinque Oscar su un totale di otto nomination. Molto popolare tra i giovanissimi la serie animata Il giro del mondo di Willy Fog, una coproduzione nipponico-spagnola, trasmessa in Italia per la prima volta nel 1987.

NATI IN QUESTO GIORNO

1974 – Christian Bale 


1882 – Franklin Delano Roosevelt

AFORISMA DEL GIORNO

I grandi si sentono grandi solo perche’ noi siamo in ginocchio : alziamoci ! (proverbio rivoluzionario francese)

5 COSE CHE FORSE NON SAI

Nei primi episodi del cartone animato di Titti e il Gatto Silvestro, il noto uccellino non era giallo bensì rosa. In America fu censurato perché ritenuto nudo e, quando chiesero al designer di “vestirlo” decise di colorarlo di giallo

Esistono due ipotesi sull’origine del nome dell’uccello Dodo: la prima sostiene che è di origine portoghese e significa tonto o stupido. La seconda, sostiene che il nome è olandese, dodoor cioè fannullone

Secondo uno studio della Michigan State University, La personalità di un cane può variare in base alla personalità del suo proprietario

La strana sensazione che senti dopo aver mangiato spinaci dipende dal fatto che gli spinaci sono piene di acido ossalico e calcio, che impediscono allo sputo di dissolversi

Mercurio ospita il più grande cratere creato dall’uomo nello spazio: causata dalla sonda MESSENGER della NASA che si è schiantata sul pianeta nel 2015

I gatti sono in grado di arrampicarsi sugli alberi, ma rimangono bloccati a causa della curvatura dei loro artigli: non sono in grado di scendere

fonti: http://www.mondi.it/almanacco; https://curiositadalmondo.it/

Unisciti al canale Telegram: https://t.me/Almancco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.