Solo qualche settimana fa ci ha lasciati Shawn Rhoden, Mr Olimpia 2018, una vita all’insegna del culturismo, che probabilmente lo ha portato alla morte a causa dei metodi utilizzai per costruire il proprio corpo come un tempio.

Salute – Il culturismo nasce come sport basato sulla cura della propria muscolatura, tramite l’ impiego della propria forza, tramite attrezzi e allenamenti per raggiungere la forma desiderata.
Purtroppo al giorno d’oggi, per raggiungere determinati obiettivi, nel body-building spesso si ricorre all’ uso di farmaci che diano un aiuto importante nella fase dello sviluppo della muscolatura. L’ uso di queste sostanze non solo rovinano questo sport, dove non si riesce più competere in modo naturale, ma provocano seri danni alla salute spesso irreversibili.

Ma quali sono i farmaci usati?

Solitamente vengono utilizzati Steroidi Anabollizzanti, il GH ovvero l’ormone della crescita, i quali normalmente vengono utilizzati in medicina per trattare perlopiù deficit della crescita per trattare pubertà tardiva e ipogonadismo e i farmaci diuretici, normaleme utilizzati in malattie quali insufficienza renale, alcune forme di edema e ipertensione.

Come agiscono sull’apparato muscolare?

Il meccanismo d’ azione primario consiste nell’ attivazione del recettore AR presente nel citoplasma o nucleo della cellula muscolare che induce la trascrizione genica e sintesi di diverse proteine ed enzimi, tra cui le catene pesanti di miosina e actina con conseguenza di crescita delle fibre muscolari, agiscono inoltre sull’attivazione, proliferazione, differenziazione e fusione di cellule satelliti con conseguente aumento di numero di nuclei per cellula con un aumento della sintesi proteica. Inoltre amplificano lo stress da allenamento sul bilancio azotato muscolare, ovvero amplificano notevolmente gli effetti ipertrofici dell’allenamento con i pesi e aumentano la ritenzione e la sintesi di glicogeno muscolare.

In parole povere gli anabolizzanti assunti in dosi sovrafisiologiche hanno la capacità di aumentare la massa magra e muscolare in modo innaturale e sproporzionale.

Quali effetti hanno gli anabolizzanti sulla salute?

Il sovradosaggio degli steroidi anabolizzanti nel lungo periodo può avere effetti devastanti, tra le più abbiamo la sindrome di Cushing, caratterizzata da depauperamento della massa magra, accumulo di grasso sottocutaneo e viscerale, alterazioni dell’omeostasi del glucosio, dislipidemia, ipertensione e alterazioni idro-elettrolitiche, rallentata guarigione da traumi o ferite, immunosoppressione, sindrome metabolica, aumento dell’appetito, osteopenia/riduzione della densità ossea, soppressione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, alterazioni dell’umore, infezioni ricorrenti.

Più specificamente possono portare problemi ai reni con ipertensione glomerulare che può evolvere in blocco renale o insufficienza renale cronica; al fegato a causa della loro potenziale epatotossicità con conseguente cirrosi e tumore al fegato in primis; alterazione della psiche con comparsa di disturbi psichiatrici, alterazione dell’umore e della libido; problemi estetici con androgenizzazione nell’ uomo e virilizzazione nella donna; alterazione e indebolimento del sistema immunitario; da non sottovalutare gli effetti sull’ apparato cardiovascolare e al sistema riproduttivo dove si presenta ipogonadismo ipogonadotropo nella maggior parte dei casi.

In concreto chi fa uso improprio di questi farmaci può andare incontro a:  infarto, insufficienza epatica o renale, lesioni o tumori al fegato, ipogonadismo, infertilità, psicosi, ginecomastia, perdita delle caratteristiche femminili e acquisizione caratteristiche maschili nella donna, acne cistica, ateromatosi, malattie cardiovascolari, disturbi di immagine corporea (dismorfia) e vigoressia. Pertanto, gli effetti degli anabolizzanti sulla salute sono molteplici!

L’ uso di queste sostanze purtroppo è comune nel mondo del body-building come sostanza dopante, e sembra scontato e superfluo che l’ abuso degli steroidi anabolizzanti è pericoloso e potenzialmente fatale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.