Avellino-Foggia 2-2, le pagelle: bentornato Maniero, Kanoute e Silvestri “castigano”i lupi. Pareggio beffa per l’Avellino raggiunto nell’extra time grazie ad un gol di Ferrante dal solito Foggia imprevedibile, del maestro Zeman. Un vero peccato per i lupi di Braglia che non hanno saputo capitalizzare al massimo la doppietta di un ritrovato Riccardo Maniero, smanioso di ricordare al boemo che nel Pescara delle meraviglie oltre al famoso trio Insigne, Immobile e Verratti c’era anche il suo zampino nella favolosa cavalcata che sancì il ritorno degli adriatici nella massima serie. Peccato comunque aver vanificato un preziosissimo vantaggio contro la migliore squadra vista al Partenio per via di due palle in uscita dalla difesa mal gestite dai biancoverdi e tramutate in gol dai satanelli. Si conclude cosi il girone di andata con trentadue punti racimolati in diciannove gare frutto di sette vittorie, undici pareggi e una sola sconfitta, ventidue reti fatte e solo quattoridici subite, sicuramente un buon bottino per la società avellinese distante però ben nove punti dalla vetta.

Pagelle:

Forte 5 ,5 – non proprio incolpevole sul gol incassato da Di Pasquale da venticinque metri

Silvestri 5,5 – poco sveglio in occasione del gol del pareggio di Ferrante, avrebbe dovuto chiudere la linea del passaggio che ha innescato il pareggio.

Avrebbe potuto festeggiare meglio il rinnovo del contratto Dossena 6 – non male contro gli avanti rossoneri prestazione tutto sommato positiva

Bove 6 – anche lui attento e reattivo concede poco all’attacco avversario (43’ st Scognamiglio sv).

Ciancio 6 – ancora un cross al bacio questa volta per Maniero ,sicuramente in crescita

Matera 6 – contro un centrocampo come quello rossonero non sfigura anzi anche oggi si rende utile alla causa biancoverde (26’ st Aloi 6 – il suo ingresso coincide con il quarto d’ora di black out della squadra di Zeman non a caso si fa notare per un gol annullato ed una clamorosa traversa colpita con un colpo di testa

D’Angelo 5 – anche oggi in difficoltà in un ruolo non proprio suo ancora di più contro una squadra che corre il doppio degli avversari

Mignanelli 5,5 – sottotono rispetto alle precedenti gare (18’ st Tito 5,5 – Relegato in panchina, quando entra non riesce a brillare).

Kanoute 5 – perde un pallone clamoroso con la squadra in uscita dalla difesa che innesca il gol del momentaneo pareggio in difficoltà contro il pressing asfissiante di Zeman (26’ st Micovschi 6 ancora al di sotto delle sue possibilità

Maniero 7,5 – gara di calciatore di categoria superiore se continua così l’Avellino ha ritrovato un grande attaccante (43’ st Gagliano sv).

Di Gaudio 6 – il suo apporto è sempre prezioso ,però potrebbe fare di più

All.: Braglia 5,5 – impeccabile nel preparare la sua squadre alle battaglie agonistiche ma i suoi calciatori hanno i mezzi per poter creare di più in fase di impostazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.