News – Avellino –JuveStabia 3-1 pagelle: Maniero devastante, Aloi mastodontico, Carriero un po’ a disagio. Continua la serie positiva dell’Avellino che con la vittoria ottenuta oggi al Partenio-Lombardi contro la Juve Stabia ha inanellato il suo sedicesimo risultato positivo. Nonostante una gara tutt’altro che tranquilla, grazie ad una stratosferica doppietta del suo bomber Riccardo Maniero e un rasoterra chirurgico di Aloi su assist del neoacquisto Kragl, i lupi hanno risposto alla grande alle vittorie ottenute ieri da Bari e Catanzaro. Buona nel complesso la gara dei biancoverdi contro un avversario tosto e ben schierato padrone del campo per buona parte della gara. Meglio il secondo tempo, quando con l’uscita di Murano e il ritorno ad una linea offensiva a tre i lupi sembravano più fluidi in fase di impostazione con Kanoute più libero di attaccare gli spazi a differenza dei primi quarantacinque minuti, troppo bloccato tra le due linee di attacco e centrocampo intasate da compagni ed avversari. Da valutare in conclusione le condizione dei due attaccanti Maniero e Murano usciti malconci, le cui condizioni fisiche non lasciano dormire sonni tranquilli a staff tecnico e tifosi, in vista della gara di domenica prossima a Catanzaro

Pagelle:

Forte 5,5 – aveva iniziato bene neutralizzando in maniera non impeccabile un tiro pericoloso degli ospiti, ma sul gol delle vespe è sembrato troppo fermo e poco reattivo

Rizzo 7-ha giocato una gara tutta corsa e tecnica, bravo ad attaccare la sua fascia di competenza ma allo stesso tempo bravo a non concedere spazi alle ripartenze sempre pericolose dei gialloblù stabiesi (Ciancio sv)

Dossena 6- gioca la sua gara attenta e gagliarda, annulla Evacuo insieme a tutto il reparto difensivo, però ancora una volta commette il suo solito errore di disattenzione ad inizio secondo tempo quando perdendo l’equlibrio innescava un cross pericolosissimo dalla linea di fondo fortunatamente neutralizzata da Forte

Silvestri 6- gara senza sbavature si destreggia bene in fase di impostazione

Bove 6- assicura più equilibrio e sicurezza al reparto arretrato, gara tranquilla e attenta

Aloi 7- ha coronato alla grande il suo momento magico delle ultime gare grazie anche un preziosissimo gol, in un centrocampo con molte lacune, si distingue in entrambe le fasi di gioco ergendo una vera diga davanti alla difesa ma sempre propositivo in fase di costruzione

Carriero 5,5- purtroppo per lui il modulo di gioco proposto da Braglia nelle ultime gare lo limita molto, non a caso in fase di costruzione è sempre lento e spesso anticipato dai centrocampisti avversari. Ottimo e preziosissimo in fase di non possesso

Tito 6,5- solita gara di sostanza sulla fascia sinistra. Un po’ meno straripante rispetto alle gare scorse anche per colpa del modulo che ne limita molto i suoi spazi preferiti. Ottimo l’assist a Maniero in occasione del secondo gol

Kanoute 6- partita di sacrificio per l’ex rosanero schierato dietro le due punte con lo scopo principale di portarsi uomini dietro e creare spazi per i compagni. Meglio il secondo tempo quando con il cambio modulo aveva più spazi a sprigionare la sua potenza e velocità

Murano 6- peccato per l’infortunio che lo costringe ad uscire dopo quaranta minuti, buona nel complesso la sua gara

Micovsky 6 – in ripresa rispetto alle ultime gare, sta tornado il calciatore di qualche anno fa

Maniero 8- straordinario, è tornato il calciatore di un decennio fa, quello del Pescara di Immobile-Verratti-Insigne. Erano anni che l’Avellino non aveva nelle sue file un attaccante tecnicamente così forte e completo. Farebbe bene la società a blindarlo già da ora per il prossimo mercato, visto che un attaccante del genere farebbe comodo anche a squadre di categoria superiori

Kragl 6- esordio di personalità per il tedesco nonostante il suo stato fisico tutt’altro che buono, sarà molto utile durante il proseguo del campionato

Braglia 6- cambiano i moduli, cambiano gli uomini, ma gioco propositivo manco a parlarne. Certo con un Maniero in questo stato di grazia va bene lo stesso, purtroppo però il campionato è ancora molto lungo e difficile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.