Cannabis per proteggersi dal Covid? Uno studio canadese – molto affidabile– mostra che un componente della cannabis, il CBD, a dosi terapeutiche, potrebbe aiutare le cellule a rispondere meglio a un’infezione virale come il Covid-19.

Salute – Il CBD sta facendo molto rumore in questo momento. Mentre molti negozi iniziano a vendere prodotti a base di cannabidiolo, un derivato non psicotropo della cannabis, consentita in forme derivate.

Ad oggi il CBD è un po’ borderline c’è chi gli conferisce esclusivamente proprietà rilassanti e chi scientificamente ricerca in questa molecola proprietà terapeutiche, la quale viene già usata per la cura di molte malattie come alcune forme di sclerosi multipla ad esempio e in modo sperimentale per altre patologie.

Efficace contro il Covid

Secondo un lavoro canadese dell’Università di Waterloo in Ontario, il  CBD potrebbe aiutare le cellule a combattere il Covid-19.  

”  Quando le cellule dei polmoni o del tubo digerente vengono infettate da un virus, hanno la capacità di rilevare e reagire, anche prima che il sistema immunitario si accorga della presenza di questo virus  “, spiegano i ricercatori. “ Lo fanno attivando risposte innate all’interno delle cellule, che costituiscono la prima linea di difesa. Nel caso del Covid-19, tuttavia, questa risposta non è molto buona, il che ha contribuito ad alti tassi di infezione.  »

Per cercare di aumentare questa risposta, gli scienziati hanno esaminato 3 proteine ​​chiave prodotte dal genoma SARS-CoV-2. Hanno studiato queste proteine ​​nelle cellule umane, sia da sole che in combinazione con il CBD.

Di conseguenza, secondo gli autori della scoperta, “ questo composto sembra in grado di attivare l’apoptosi delle cellule infette” ovvero il loro processo di morte, e che quindi ” potrebbe fermare il contagio e rallentarne la diffusione “.

In conclusione, gli scienziati spiegano che il CBD, alla giusta dose, potrebbe aiutare le cellule a essere in un migliore stato di prontezza a rispondere al virus. A sostegno della loro tesi, fanno l’esempio dei pazienti epilettici trattati con CBD sintetico negli Stati Uniti. Ebbene, questi pazienti statisticamente sembrano avere 10 volte meno probabilità di risultare positivi al Covid-19!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.