CHE COS’E’

Tour Virtuali – La Cappella della Misura e il sentiero dei pellegrini è l’esperienza digitale ed interattiva che consente di percorrere un tratto dell’antico sentiero dei pellegrini, sentiero che si percorre durante la “Juta a Montevergine” per rendere omaggio alla Madonna di Montevergine.

Questa esperienza digitale avviene mediante il tour virtuale che consente di passeggiare lungo il sentiero e di approfondire la conoscenza della Cappella della Misura e della Cappella dello Scalzatoio, che si incontreranno lungo il cammino.

IL SENTIERO DEI PELLEGRINI

Il sentiero inizia ad Ospedaletto d’Alpinolo lungo via Montevergine, a breve distanza dalla fontana del Tritone e dalla Villa comunale. Si tratta di un antico sentiero che si percorre durante il pellegrinaggio “la Juta a Montevergine”, che partendo proprio da Ospedaletto d’Alpinolo arriva al santuario di Montevergine in adorazione della Madonna Nera o Mamma Schiavona.

Lungo il primo tratto del percorso, in basolato, si trova la Cappella detta dello Scalzatoio, purtroppo ormai costituita soltanto da ruderi. Lo scalzatoio racchiude però una storia molto affascinante, perché il luogo dove ancora oggi i pellegrini che si recano a Montevergine si tolgono le scarpe per continuare il pellegrinaggio a piedi nudi, in segno di devozione a Mamma Schiavona.

TRONO DELLA MADONNA E CAPPELLA DELLA MISURA

Dopo la Cappella dello Scalzatoio, i pellegrini incontrano la sedia o trono della Madonna: un incavo nella roccia che il contatto con le vesti dei pellegrini ha reso liscia e levigata come un’antica polita scultura in marmo. Secondo la tradizione popolare, la Vergine nera con in braccio il Figlio, nel viaggio verso la chiesa che era stata costruita in suo onore, giunta a metà della montagna si fermò e si riposò proprio su questa roccia che, per rispetto, si piegò dolcemente sotto il suo peso.
La particolare circostanza che chiunque vi si sieda si trova particolarmente comodo ha originato anche il nome di “Cappella della Misura”.

Equipaggiamento consigliato: zaino, colazione a sacco, borraccia, scarponcini da trekking, cappellino (estate), giacca a vento (primavera-autunno).

Difficoltà E Tempo di percorrenza h. 2:00

Durata complessiva km.7

Questa settimana nella rubrica libri proponiamo l’articolo “La Madonna di Montevergine e la Candelora” dedicato all’omonimo libro di Monica Ceccarelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.