Quale miglior modo per raccontare la musica se non intervistando i suoi principali attori in 5 domande.

Musica – Questa “rubrica nella rubrica” fa un salto a Nocera Inferiore per conoscere e raccontare uno dei Tribute man più apprezzati del panorama musicale campano.

  • Charlie chi sei, parlaci di te?

Mi chiamo Carlo D’Agosto in arte Charlie D’Agosto. Musicista autodidatta, classe 82, che si è ritrovato quasi per caso a fare della musica la sua professione.

  • Come è iniziata la tua passione per la musica ed il canto?

Da bambino guardavo mio padre suonare la chitarra ed ascoltavo con mio zio i  vinili di Celentano.

Grazie a mia madre ho scoperto il mondo dei cantautori, in particolare De Andrè e De Gregori, e da lì in poi è stato un viaggio ed una scoperta costante nella musica italiana.

  • Qual è stato il tuo percorso artistico e quali avvenimenti importanti ci vuoi raccontare ?

Ho iniziato a suonare abbastanza tardi, quasi ventenne, ma con i miei progetti live ho avuto il piacere di suonare in gran parte del sud Italia. Il live che porto nel cuore è quello di Genova, ospite del Museo di Via del Campo per ricordare il grande Fabrizio De Andrè nel ventennale della sua scomparsa.

  • Progetti futuri?

Il mio progetto “Tribute man” va avanti con nuove idee e nuovi repertori. Oltre agli storici Ligabue” e Jovanotti abbiamo accontentato il nostro lato cantautorale con progetti dedicati a De Andrè, Mannarino e Rino Gaetano.

Ultimi inseriti, ma non meno importanti, sono i repertori dedicati a Calcutta, Ultimo e Achille Lauro.

  • Quanto è cambiata la musica live post pandemia ?

Negli anni del covid la musica live ha avuto uno stop forzato dovuto alle misure di contenimento.

Quando ci è stato consentito siamo stati tra i primi progetti live a tornare in pista e speriamo di non rivivere più quel periodo cosi triste.

In generale il mercato della musica live è abbastanza fermo, chi la proponeva prima o ha chiuso o va con i piedi di piombo nell’investire nell’intrattenimento ma io resto fiducioso e sono abbastanza ottimista per il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.