Col Picerno finisce 1-1: L’Avellino non va oltre il pari in casa contro il Picerno. Prima regala un gol ai lucani, poi raggiunge il pari con Riccardo Maniero su rigore nel secondo tempo.

News – Nonostante la superiorità numerica, complice anche la sfortuna con pali e traverse colpite ed un pizzico di leggerezza sotto porta, i lupi non riescono a mordere e a ribaltare la gara.

Credo che l’Avellino abbia fatto di tutto per complicarsi la vita. La superficialità nel calcio non paga mai, basta vedere il gol che abbiamo preso. Un gol ce lo siamo fatti da soli, l’altro lo abbiamo fatto tirare tranquillo. Nel momento in cui devi fare quel saltino, ci inceppiamo. Ci innervosiamo, prendiamo due pali, loro perdono tempo, e la partita non la vinci più. Inoltre, se entra il loro gol l’avremmo persa. Ma ci sta bene. L’atteggiamento è stato quello di non batterli. Quando hai 7-8 palle gol, se non la vinci è colpa tua. Bisogna prendere atto di certe situazioni e capirle bene. Bisogna prendere atto che quando si deve fare la prova del 9, come l’anno scorso, stecchiamo. Mi aspettavo una prova di maturità e invece è andata male. Abbiamo giocato sottotono, è inutile negare l’evidenza. Oggi abbiamo avuto un atteggiamento superficiale. Ci prendiamo il punto e andiamo avanti. Poi se vogliamo vedere i pali, i gol sbagliati, sono alibi e a me non interessano.

(Piero Braglia)

Foto copertina: Alfredo Spagnuolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.