Dante e i fumetti, domenica ad Airola la presentazione del libro

La presentazione con il curatore Mario Tirino presso Textures (ore 19.30)

Organizzata dall’associazione Textures Collettiva, si terrà domenica 19 giugno (ore 19.30) ad Airola, presso la sede del sodalizio (via Sorlati, 9), la presentazione del volume Poi piovve dentro a l’alta fantasia. Dante e i fumetti (2021), edito da Alessandro Polidoro Editore e curato da Mario Tirino e Lorenzo Di Paola.

Il volume raccoglie quattordici saggi sul rapporto tra il Sommo Poeta e la nona arte, che spaziano dall’influenza delle illustrazioni di Gustave Doré, all’iconografia del Conte Ugolino nel fumetto italiano, passando per Hugo Pratt, Federico Fellini, Milo Manara, le parodie disneyane, la satira di Marcello Toninelli, l’adattamento della Commedia del mangaka Go Nagai, le esperienze italiane di Dampyr, Detective Dante, Benito Jacovitti, Cattivik, Martyn Mystère, Lazarus Ledd, Nathan Never.

Poi piovve dentro a l’alta fantasia tenta di analizzare il complesso legame che lega l’opera del Sommo Poeta al mondo dei fumetti, esplorando con quali modalità e dinamiche fumettisti di tutto il mondo hanno provato a ricostruire attraverso il linguaggio dei comics il viaggio dantesco.

Completato dalla prestigiosa prefazione del filologo dantesco Corrado Calenda, il libro intreccia una moltitudine di prospettive disciplinari: sociologia dei processi culturali, mediologia, visual culture studies, linguistica, storia dei media, italianistica.

La raccolta, inoltre, è un lavoro autenticamente transnazionale, grazie alla collaborazione di autori provenienti da diverse Università di vari Paesi: oltre agli italiani Fabrizio Denunzio (Salerno), Gino Frezza (Salerno), Adolfo Fattori (Accademia di Belle Arti di Napoli), Alessandro Scarsella (“Ca’ Foscari” Venezia), hanno preso parte allo studio Ivan Pintor Iranzo (Universitat Pompeu Fabra Barcellona), Ursula Winter (Marburg), Daniela Pietrini (Martin-Luther Universitat Halle-Wittenberg), Raul Ciannella e Maria Antonia Martì Escayol (Universitat Autonoma de Barcelona), Francisco Saez de Adana (Universidad de Alcalà), Alessio Aletta (University of Toronto). Tra gli autori del volume anche l’esperto di fumetti e giornalista dell’“Unità” Renato Pallavicini, recentemente scomparso, alla cui memoria è dedicata la presentazione.

Il volume è curato da Lorenzo Di Paola (Università di Messina) e dall’airolano Mario Tirino (Università di Salerno). Ricercatore e docente di Televisione e Nuovi Media, Teorie degli Audiovisivi Digitali, Storia del Pensiero Sociologico, Tirino si occupa di sociologia delle culture digitali, mediologia della letteratura e del fumetto, sociologia delle culture sportive. È autore della monografia Postspettatorialità. L’esperienza del cinema nell’era digitale (Meltemi, 2020) e di oltre cento articoli scientifici, pubblicati in riviste accademiche nazionali e internazionali. Tirino inoltre dirige le collane scientifiche “L’Eternauta. Studi su fumetti e media” (con Gino Frezza e Lorenzo Di Paola) e “Binge Watchers. Media, sociologia e storia della serialità” (con Marco Teti) ed è responsabile scientifico della “International Online Conference on Television Series and Society” (IOC-TSS), la cui prima edizione è stata dedicata alla serie tv Stranger Things (26-27 aprile 2022).

Durante la presentazione, moderata dal giornalista Arturo Olibano, discuteranno con il curatore Mario Tirino i professori Nicola Sguera e Leandro Pisano, entrambi docenti presso il Liceo Classico “Pietro Giannone” di Benevento, e Leonardo Cantone, critico e sceneggiatore di fumetti.  

L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti.

Textures si impegna da più di dieci anni a sostenere la cultura nel territorio della Valle Caudina, per questo siamo davvero lieti di ospitare la prima presentazione del libro di Mario Tirino – afferma Diana Cusani, presidente di Textures Collettiva. Sostenere gli artisti e l’arte è uno scopo imprescindibile per l’associazione, ancor più quando si tratta di studiosi nati e formatisi ad Airola, quindi provenienti dal nostro stesso background culturale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.