Musica: Dipendenza da like e views

Musica – Con l’avvento dei social network e della distribuzione digitale la musica, sia edita che inedita, ha avuto un grande cambiamento legato alla diffusione ed alla condivisione al grande pubblico.

Questo aspetto se da un lato sicuramente positivo sopratutto per le nuove proposte musicali rendendo più facile ed immediata l’interazione con il grande pubblico senza dover forza passare nei circuiti radiofonici e televisivi, dall’altro lato ha creato una vera e propria dipendenza da like, views e popolarità.

Quante volte ci è capitato di ascoltare la frase ma quel brano/artista ha 10 milione di views su YouTube è diventato virale su TikTok e cosi vià…

Un esempio lampante ce lo fornisce il brano “ Tu Comm’a mme “ per tutti conosciuto come “ Povero Gabbiano ”.

Brano scritto nell’88 da Gianni Celeste tornato alla ribalta grazie a TikTok ed alla viralità con cui è stato condiviso sui social.

Ed proprio questo “conteggio” dei like o delle views ad essere diventato un mezzo di paragone o di valutazione del successo o dell’insuccesso di un brano o di un artista.

Attraverso i social e le “ votazioni “ tramite like, in tanti contesti artistici, vengono scelti determinati artisti o determinati progetti “solo” basandosi sul numero di like ottenuti ad un post, un brano o una foto togliendo la possibilità di un vetrina importante a nuove proposte artistiche valide ed alternative.

Tutto questo aspetto legato ai numeri inoltre ha generato un vero e proprio “mercato” dei like e delle views con la nascita di agenzie e servizi online dedicati proprio alla compravendita di ascolti e visualizzazioni sui social.

Di sicuro questo metodo di valutazione legato alle, views, like e condivisioni hanno influenzato e stanno influenzando il nostro panorama musicale ma siamo certi che sia “ la scelta” giusta da seguire…

Forse dovremmo fare un passo indietro e tornare ad ascoltare la musica con le orecchie e non con gli occhi sui numeri…

Con questa affermazione ci salutiamo e ci diamo appuntamento al prossimo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.