Dormire troppo o troppo poco

Secondo uno studio presentato alla 70a sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology, le persone che dormono meno di 6 ore o più di 7 ore a notte sono maggiormente a rischio di sviluppare problemi cardiovascolari.

Salute – Il sonno è spesso trascurato”, afferma il dottor Kartik Gupta della Divisione di Medicina Interna dell’Henry-Ford Hospital di Detroit. “Eppure è uno dei modi più convenienti per ridurre il rischio cardiovascolare. Secondo i nostri dati, dormire da sei a sette ore per notte è associato a una salute del cuore più favorevole. »

Per lo studio, il dott. Gupta e il suo team hanno incluso i dati di oltre 14.000 partecipanti al National Health and Nutrition Examination Survey, i quali sono stati divisi in tre gruppi in base alla loro durata media del sonno.

Tra le sei e le otto ore per notte

Gli scienziati hanno monitorato la loro salute cardiovascolare per più di sette anni valutando i loro livelli di proteina C-reattiva, un marker infiammatorio chiave noto per essere associato a malattie cardiache.

“Coloro che hanno dormito meno di sei ore o più di sette ore avevano punteggi di rischio cardiovascolare più elevati”, osservano gli autori. Anche se la privazione del sonno sembrava più pericolosa. “A differenza di alcuni fattori di rischio non modificabili, come l’età o la genetica, le abitudini del sonno possono essere modificate e dovrebbero essere discusse regolarmente durante le visite mediche. »

Non è la prima volta che si parla dell’importanza del sonno. Già nel 2018, alcuni ricercatori greci hanno spiegato che una buona notte di sonno è tra le sei e le otto ore, né più né meno.

Secondo gli stessi, “il sonno influenza processi biologici come il metabolismo del glucosio, la pressione sanguigna e l’infiammazione, che hanno tutti un impatto sulle malattie cardiovascolari”.

Leggi anche l’articolo “Muoviti per il tuo cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.