Molto spesso causato da una reazione allergica, l’angioedema è un sintomo impressionante e potenzialmente grave che deve essere trattato con urgenza. Che cos’è esattamente?

Salute – Un rapido e transitorio gonfiore della pelle e delle mucose generalmente a livello della testa e del collo (palpebre, labbra, lingua, faringe ) talvolta accompagnato da arrossamento. Ecco una breve descrizione dell’angioedema, chiamato anche “edema di Quincke”.

La causa ? “Questo fenomeno è legato ad una reazione infiammatoria o allergica  ” , precisa Medicare. Il più delle volte, è quindi causato “dall’esposizione a un farmaco, veleno, cibo, allergeni da piumee o peli di animali o polline”. Il contatto con questo elemento esterno provoca la secrezione di alcune sostanze (essenzialmente istamina e bradichinina, coinvolte in reazioni infiammatorie e allergiche) che consentono un maggiore passaggio di liquidi dai vasi ai tessuti. Questo produce il gonfiore di questi, caratteristico dell’edema di Quincke. Ma più raramente ”  può essere anche una reazione cronica, oppure un disturbo ereditario o acquisito”, specifica il Manuale MSD.

Come reagire?

Nella maggior parte dei casi, una reazione allergica provoca edema entro 2 ore e può essere accompagnata da altri sintomi come l’asma. Se sei testimone o vittima dell’insorgenza dei seguenti sintomi, contatta i servizi di emergenza il prima possibile:

  • L’insorgenza improvvisa e rapida di prurito intenso e generalizzato
  • arrossamento della pelle, edema e/o congiuntivite;
  • gonfiore dell’ugola, della lingua e/o della faringe;
  • cambiamento nella voce (che diventa debole, persino impercettibile);
  • difficoltà respiratorie;
  • malessere, estrema debolezza, stanchezza, vertigini;
  • nausea, vomito, diarrea;
  • dolore addominale.

Senza un trattamento rapido, l’angioedema può essere fatale perché il gonfiore delle mucose del tratto respiratorio superiore impedisce il passaggio dell’aria, portando all’arresto respiratorio e alla morte.

Nota: l’edema di Quincke porta questo nome perché è stato descritto per la prima volta nel 1882 dal Professore Heinrich Quincke, un medico tedesco, quando ha diagnosticato l’angioneurotica, una forma che può interessare qualsiasi parte del corpo. Che poi diventano bianche, dolenti e voluminose, anche deformate, a volte per diversi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.