Epatite misteriosa coinvolti gli adenovirus

È in corso un’indagine epidemiologica per chiarire la causa di una serie di casi di epatite grave nei bambini. Una delle ipotesi riguarda gli adenovirus. Cosa sono questi microbi? Perché sono sospettati?

Salute – Un totale di 169 casi gravi di epatite sono stati rilevati nei bambini dal 23 aprile. Il Regno Unito è il paese più colpito, ma sono stati segnalati casi anche in una dozzina di paesi europei e anche negli Stati Uniti. La maggior parte dei bambini ricoverati ha un’età compresa tra 1 e 5 anni. Diciassette di loro hanno richiesto trapianti di fegato e un bambino è morto nel Regno Unito.

La maggior parte è stata rilevata alla fine di marzo, ma è stato il 15 aprile che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha lanciato l’allarme e ha esortato i paesi ad avviare un’indagine approfondita al fine di “determinare l’eziologia di questi casi e guidare la clinica e l’opinione pubblica azioni sanitarie”.

Sospettato numero 1

Per il momento le indagini sono in corso. Tra le ipotesi, quella di un adenovirus è in prima linea. In effetti, le analisi hanno mostrato la presenza di uno di questi virus in 74 bambini finora, inclusi 18 casi di adenovirus di tipo 41, che stanno circolando attivamente in Irlanda e nei Paesi Bassi.

Ma cos’è un adenovirus?

Gli adenovirus sono microrganismi ” acquisiti dal contatto con le secrezioni di una persona infetta (comprese quelle a mano) o dal contatto con un oggetto contaminato (ad esempio, asciugamano, strumento)”, afferma il manuale MSD. “Un’infezione dovuta a uno dei tanti adenovirus può essere asintomatica o innescare sindromi specifiche, tra cui lieve infezione respiratoria, cheratocongiuntivite, gastroenterite, cistite o polmonite primaria. »

“La maggior parte delle infezioni sintomatiche si verificano nei bambini e provocano febbre e sintomi delle vie respiratorie superiori tra cui faringite, otite media, tosse e tonsillite essudativa con linfoadenopatia cervicale, che è difficile da distinguere dalla faringite streptococcica. di gruppo A “, specifica lo stesso manuale scientifico. In un contesto di immunosoppressione, gli adenovirus possono causare infezioni molto gravi. Ma in un bambino sano, il più delle volte, queste infezioni non sono gravi.

Sebbene alcuni adenovirus possano causare gastroenteriti nei bambini, finora non sono mai stati associati a un rischio di epatite. L’ipotesi, quindi, resta da convalidare. Ma va notato che l’epatite osservata nella maggior parte di questi casi non corrisponde alla descrizione dell’epatite “classica”. I sintomi non sono del tutto classici. Questo è il motivo per cui alcuni scienziati britannici parlano di un nuovo ceppo di adenovirus. O altre infezioni o cause ambientali. L’indagine prosegue.

Nota: in attesa dei risultati di questo lavoro, l’OMS ricorda che lavarsi regolarmente le mani e indossare una maschera può prevenire la contaminazione da adenovirus e altre infezioni comuni.

Un pensiero su “Epatite misteriosa: coinvolti gli adenovirus?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.