Antiossidanti: frutta e verdura contro la demenza. Mangiare bene per mantenere una buona salute cognitiva è una raccomandazione ben nota e logica. Ma cosa dovresti mangiare esattamente? Un nuovo studio sottolinea l’interesse degli antiossidanti nella prevenzione della demenza.

Salute – Alcune molecole hanno la capacità di rallentare o addirittura impedire l’ossidazione naturale di altre sostanze chimiche, sono quindi qualificati come antiossidanti. Alcuni di essi, vitamine, oligoelementi e altri micronutrienti sono presenti negli alimenti, come frutta e verdura, cioccolato, tè o persino spezie. Sono noti per avere un effetto benefico e protettivo contro le malattie cardiovascolari e il diabete , poiché aiutano a proteggere le cellule dell’organismo dall’effetto dei radicali liberi e hanno qualità antinfiammatorie.

Luteina, zeaxantina e beta-criptoxantina

Potrebbero anche ridurre il rischio di sviluppare la demenza? E’ l’ipotesi del team di May A. Beydoun del National Institute on Aging del National Institutes of Health di Baltimora. Per convalidarlo, gli scienziati hanno reclutato 7.283 persone di età pari o superiore a 45 anni all’inizio dello studio. Hanno misurato e registrato i livelli di vari antiossidanti in ciascuno di loro, quindi li hanno seguiti e studiati per circa 16 anni.

Il gruppo di persone con i livelli più alti di luteina, zeaxantina e beta-criptoxantina ha visto il proprio rischio diminuire di sviluppare demenza in modo significativo. Nel dettaglio, se una persona aveva 15,4 micromoli/litro in più di luteina e zeaxantina aveva una riduzione del 7% del rischio di sviluppare forme di demenza. Per la beta-criptoxantina, il rischio si riduceva del 14% se il livello di questo antiossidante aumentava di 8,6 micromoli/litro.

Dove trovare questi antiossidanti?

Allora perché non mangiarne di più? Per aumentare i livelli di antiossidanti bisogna considerare di aumentare l’assunzione di frutta e verdura. Soprattutto mangiando più verdure verdi come spinaci, cavoli, broccoli o piselli per ottenere luteina e zeaxantina, che sono carotenoidi. Oltre a frutti come arance, papaia, pompelmo e cachi per la beta-criptoxantina, ovvero un pigmento. Quindi, con l’arrivo delle giornate di sole, non esitate a colorare il vostro piatto con cibi rossi, arancioni, verdi o gialli. Sarai sicuro di consumare il massimo di antiossidanti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.