Cosa ti piace fare quando non lavori? Che tu preferisca leggere un buon romanzo, fare yoga o bere un drink con i tuoi amici, sappi che i tuoi hobby contribuiscono alla tua salute cognitiva. Tanto che riducono il rischio di sviluppare la demenza.

Salute – Nel tempo libero si può praticare uno sport o un’attività manuale come il cucito, il lavoro a maglia o anche se preferisci semplicemente passare del tempo con i tuoi cari, rallegrati. Qualunque sia il tuo hobby preferito, l’importante è che ti renda felice perché gli hobby contribuiscono alla tua salute cognitiva, secondo una meta-analisi cinese pubblicata sulla rivista Neurology , dell’American Academy of Neurology.

17% di rischio in meno

Numerosi studi avevano già sottolineato l’interesse delle attività ricreative a ridurre il rischio di fibrillazione atriale o cancro, ma anche, più semplicemente, a migliorare il benessere. Questo recente studio di Lin Lu del Sesto ospedale dell’Università di Pechino, in Cina, aggiunge un vantaggio a tale elenco: ridotto rischio di demenza.

Per dimostrarlo, ha esaminato 38 studi in cui i quasi 2 milioni di partecipanti – inizialmente liberi da demenza – avevano documentato le loro attività ricreative. Durante il follow-up, durato 3 anni, sono stati segnalati 74.700 casi di demenza. Confrontando questi dati e dopo aver corretto per fattori come l’età, il risultato è stato ampiamente positivo a favore del tempo libero. Coloro che l’hanno praticato hanno visto il loro rischio di demenza diminuire in media del 17%.

Attività “mentali” ancora più benefiche

Se tutti gli hobby hanno comportato una riduzione del rischio, nel dettaglio, le attività “mentali” come leggere, scrivere o suonare uno strumento musicale si sono rivelate le più vantaggiose, con una riduzione del rischio del 23%.

Le attività fisiche, come lo yoga o la danza, sono seguite con un calo del 17%. E infine le cosiddette attività sociali come il volontariato, il tempo trascorso con i parenti o le attività religiose riducono il rischio del 7%.

Hai quindi l’imbarazzo della scelta! Sta a te scegliere l’attività che ti farà bene proteggendo allo stesso tempo il tuo cervello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.