Una nuova ricerca suggerisce che il consumo moderato di caffè può proteggerti dallo sviluppo di malattie cardiache e prevenire la morte precoce.

Salute – Una delle bevande più comunemente consumate al mondo, si discute da tempo sul fatto che il caffè sia salutare o meno. La buona notizia per gli amanti del caffè di tutto il mondo è che uno studio appena pubblicato sembra aggiungersi al crescente corpus di ricerche a sostegno dei benefici del caffè.

Lo studio, pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology , suggerisce che due o tre tazze di caffè al giorno possono effettivamente proteggerti dallo sviluppo di malattie cardiache e persino dalla morte precoce.

“Il caffè decaffeinato, macinato e istantaneo, in particolare da 2 a 3 tazze al giorno, è stato associato a riduzioni significative dell’incidenza di malattia cardiovascolare e della mortalità”, scrivono i ricercatori. “Il caffè macinato e istantaneo è associato a una ridotta aritmia”.

Poiché il caffè è onnipresente nella maggior parte delle società in tutto il mondo e fino all’80% dei medici che storicamente raccomandano ai pazienti con malattie cardiovascolari di evitare il caffè, i ricercatori del presente studio hanno voluto esaminare se tale raccomandazione fosse davvero giustificata.

Ecco uno sguardo più da vicino a ciò che lo studio ha scoperto e perché il caffè può effettivamente aiutare a proteggerti dalle malattie cardiache e aumentare la longevità.

Quali rischi per la salute si riducono bevendo caffè?

Lo studio ha analizzato i dati dei pazienti che hanno partecipato alla Biobank del Regno Unito, che è un database biomedico su larga scala e una risorsa di ricerca che include le abitudini di consumo del caffè per quasi 450.000 adulti.

I pazienti inclusi nello sforzo di ricerca erano privi di malattie cardiache o aritmie all’inizio dello studio e sono stati divisi in quattro gruppi: persone che hanno bevuto caffè macinato con caffeina, persone che hanno bevuto caffè decaffeinato, persone che hanno bevuto caffè istantaneo con caffeina e persone che hanno non ha bevuto affatto il caffè.

I ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche e di morte dei pazienti dopo una media di 12,5 anni per problemi come aritmia, malattie cardiache, ictus e morte. I ricercatori hanno anche adattato fattori come età, diabete, etnia, ipertensione, obesità, apnea ostruttiva del sonno, sesso, fumo e consumo di tè e alcol.

Come risultato della loro revisione, i ricercatori hanno scoperto una serie di importanti benefici dal consumo di caffè, tra cui riduzioni significative del rischio di malattie coronariche, insufficienza cardiaca congestizia e ictus quando si beve caffè macinato, decaffeinato o con caffeina. È stato anche riscontrato che il caffè macinato e il caffè istantaneo riducono i rischi di battito cardiaco irregolare, noto anche come aritmia.

“I nostri risultati della biobanca britannica confermano ulteriormente le associazioni benefiche dell’assunzione abituale di caffè, come riportato in recenti studi sulla popolazione”, hanno scritto i ricercatori.

È una scoperta rivoluzionaria?

Sebbene quest’ultimo sviluppo possa essere una buona notizia per gli amanti del caffè, i risultati in realtà supportano studi precedenti secondo cui bere da tre a cinque tazze di caffè nero al giorno può essere benefico per una varietà di condizioni di salute, tra cui:

  • Cardiopatia
  • Il morbo di Alzheimer
  • morbo di Parkinson
  • Diabete di tipo 2
  • Malattia del fegato
  • Cancro alla prostata

In che modo il caffè aiuta a ridurre il rischio di morte?

Il caffè è una bevanda complessa che contiene più di 100 composti biologicamente attivi, di cui la caffeina è la più nota. La caffeina è nota per essere uno stimolante che aumenta la vigilanza e la concentrazione. Tuttavia la caffeina ha altri effetti sul corpo come la riduzione della produzione di grasso e ha proprietà antiossidanti.

La caffeina contiene anche composti chiamati polifenoli che sono noti per essere antiossidanti. I polifenoli possono anche modificare il metabolismo del corpo, come aumentare la sensibilità del corpo all’insulina e migliorare il microbioma intestinale. È probabile che tutti questi effetti spieghino le riduzioni del rischio di malattie coronariche, insufficienza cardiaca congestizia e ictus.

Per quanto riguarda il rischio di aritmia, i ricercatorti hanno osservato che la caffeina può bloccare i recettori sulle cellule del corpo che si legano all’adenosina, una molecola che può influenzare le cellule del cuore e aumentare il rischio di aritmie. “Bloccando questi recettori che si legano all’adenosina, crediamo che il caffè con caffeina possa proteggere dalle aritmie”, hanno spiegato. “Questo potrebbe spiegare i diversi effetti” del caffè con caffeina rispetto a quello decaffeinato quando si tratta di battito cardiaco irregolare.

Ma il caffè in generale, indipendentemente dal fatto che contenga o meno caffeina, è ricco di “sostanze chimiche fitodiverse”, Rigved Tadwalkar, un cardiologo certificato presso il Providence Saint John’s Health Center ha detto a Health . Cioè, ci sono molte diverse sostanze vegetali nel caffè. “L’assoluta diversità e il numero di questi composti sono probabilmente il motivo per cui si scopre che tutti i tipi di caffè hanno dei benefici”, ha detto il dottor Tadwalkar.

Quanto il caffè riduce il rischio di morte?

Gli impatti positivi sulla salute del caffè osservati dai ricercatori sono stati piuttosto evidenti. Le persone che bevevano da due a tre tazze di caffè al giorno hanno avuto l’impatto maggiore: tra queste persone il caffè macinato ha ridotto del 27% il rischio di morte, mentre i bevitori di decaffeinato avevano un rischio inferiore del 14%. Il rischio era inferiore dell’11% per coloro che bevevano caffè istantaneo con caffeina.

Quando si tratta di malattie cardiache e ictus, i benefici tra le persone che consumavano tre tazze di caffè al giorno si sono manifestati come segue:

  • Caffè macinato: riduzione del 20% del rischio di malattie cardiache e ictus
  • Caffè decaffeinato: riduzione del 6% del rischio di malattie cardiache e ictus
  • Istantaneo: riduzione del 9% del rischio di malattie cardiache e ictus

E infine, per il battito cardiaco irregolare lo studio ha mostrato:

  • Individui che bevono da 4 a 5 tazze di caffè macinato con caffeina: rischio ridotto del 17%.
  • Da due a tre tazze al giorno di caffè istantaneo: rischio ridotto del 12%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.