Ampiamente utilizzata in varie industrie, la formaldeide è tuttavia classificata come un cancerogeno umano provato. Ma i suoi effetti nocivi non si fermano qui. Secondo i ricercatori , le persone che entrano in contatto con questo gas durante il loro lavoro potrebbero sviluppare disturbi cognitivi più tardi nella vita.

La formaldeide: un gas cancerogeno all’origine dei disturbi della memoria?

Salute – La formaldeide è una sostanza chimica incolore che emana un odore sgradevole. È presente in molte applicazioni industriali come biocida, conservante o fissatore, per esempio.

Si trova nell’industria edilizia, tessile, chimica e sanitaria.

Il problema è che nel giugno 2004, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) lo ha classificato come “cancerogeno umano provato” per il cancro nasofaringeo per inalazione.

Secondo i ricercatori dell’Università di Montpellier, questo prodotto ha altri effetti nocivi. Secondo loro, l’esposizione a lungo termine alla formaldeide durante il lavoro può essere associata a problemi cognitivi in seguito.

Il loro studio ha coinvolto 75.322 persone, con un’età media di 58 anni. Di questi, l’8%, ovvero 6.026, erano stati esposti alla formaldeide durante la loro vita lavorativa.

Le occupazioni includevano infermieri, assistenti infermieri, tecnici medici, lavoratori dell’industria tessile, chimica e metallurgica, falegnami, ecc.

I partecipanti sono stati classificati in diversi gruppi secondo il loro livello di esposizione professionale alla sostanza chimica (6 anni o meno, da 7 a 21 anni o più di 22 anni).

Inoltre, sono stati effettuati test cognitivi, tra cui test di memoria, attenzione, ragionamento, ecc.

Il risultato: le persone esposte alla formaldeide sul lavoro avevano, in media, un rischio maggiore del 17% di avere problemi di memoria.

I lavoratori esposti alla formaldeide per 22 anni o più avevano un rischio maggiore del 21% di problemi cognitivi.

L’uso della formaldeide è diminuito negli ultimi decenni, tuttavia, i risultati evidenziano il fatto che ci sono ancora migliaia di persone il cui lavoro li espone alla sostanza chimica, e dovranno affrontare il rischio di deterioramento cognitivo in età avanzata a causa di esso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.