La musica come valvola di sfogo dei nostri stati d’animo

La musica, sia per chi l’esegue che per chi l’ascolta, rappresenta parte integrante e fondamentale del nostro quotidiano e tante volte non le diamo il giusto valore.

È un momento intimo, personale, una valvola di sfogo, un modo per esprimere i propri sentimenti che altrimenti rimarrebbero intrappolati dentro di noi o, perché no, anche un semplice attimo di svago e di divertimento, un momento ludico.

Quante volte in un momento di rabbia, di tristezza o di gioia ci siamo immersi nella musica per “scaricare” queste energie legate alle nostre emozioni.

Quante volte avremmo voluto una batteria, una chitarra elettrica tra le mani o semplicemente alzato “a palla“ il volume dello stereo per cantare a squarciagola.

Per questo motivo un’altra potenzialità ancora poco valorizzata della musica, e dell’arte in senso lato, è la possibilità di utilizzarla come terapia personale e/o collettivo, investendo le proprie energie nello studio musicale sia esso vocale o strumentale: svariati sono gli esempi di cantanti e musicisti in generale che hanno trovato nella musica un punto di salvezza o di ripartenza.

Molti artisti hanno testimoniato di aver vissuto in passato difficoltà di auto-accettazione, di depressione, di insicurezza e che grazie alla musica e allo studio di uno strumento musicale, sono riusciti a uscirne, risolvendo e superando questi disagi, affermandosi nella società.

Questa energia intrinseca della musica è la chiave percettiva per cui anche senza ascoltare un testo ma solamente attraverso la sua melodia, possiamo emozionarci e provare gioia con un brano allegro e spensierato o tensione e tristezza con un brano cupo.

Quanti film e scene indimenticabili senza la giusta colonna sonora non avrebbero avuto lo stesso impatto sulle nostre emozioni.

Proprio grazie allo studio di questa relazione/interazione musica-corpo-emozioni nasce la musicoterapia ma di questo parleremo in maniera più dettagliata nel prossimo articolo.

A tal proposito omaggiamo il grande Maestro Ennio Morricone con un dolce ricordo.

Buon ascolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.