Muoviti per il tuo cuore!

I punti di svolta nella vita possono indebolire la nostra salute cardiovascolare visto che queste fasi a volte complicate da attraversare ci incoraggiano a essere più sedentari che a muoverci. Ma attenzione il cuore sembra soffrirne nel lungo periodo.

Muoviti per il tuo cuore

Salute – “Cambiare lavoro, avere un figlio, andare in pensione sono esempi di eventi importanti che possono influire sul livello di attività fisica di una persona” , descrive il Professor Chair Abbi D. Lane-Cordova (Università della Carolina del Nord). Sud, Stati Uniti). E degradare la salute cardiovascolare a lungo termine . Per dimostrarlo, il team del professor Abbi D. Lane-Cordova ha analizzato i dati del file “Healthy People 2020”.

Ci spiega come “nella media degli ultimi anni, solo il 20% dei giovani e il 24% degli adulti ha rispettato le raccomandazioni dell’American Heart Association” : 150 minuti a settimana di attività fisica ad intensità moderata o 75 minuti ad alta per gli adulti , e 60 minuti di attività fisica moderata al giorno per i bambini di età compresa tra 6 e 17 anni. I ricercatori hanno poi isolato diversi eventi importanti correlati alla mancanza di attività fisica: l’inizio della scuola, il primo lavoro, il matrimonio, la gravidanza, la genitorialità, il pensionamento o l’ammissione alle strutture di cura, tante fasi durante le quali cambiano i punti di riferimento.

Arresto cardiaco

Uno stile di vita sedentario dà origine a molti fattori di rischio per le malattie cardiovascolari: sovrappeso, diabete , ipertensione e dislipidemia. La mancanza di attività fisica favorisce anche l’ insufficienza cardiaca . Perchè? A forza di rimanere a riposo, il cuore perde il suo potere di contrazione: il volume del sangue che entra ed esce dal cuore diminuisce nel tempo: i tessuti, i muscoli e tutti gli organi sono meno ossigenati.

Incoraggiare la pratica dello sport

“L’attività fisica dovrebbe essere raccomandata durante le fasi chiave della vita, per superare meglio questi periodi di transizione e mantenere il cuore sano”, afferma la professoressa Abbi D. Lane-Cordova. Un momento particolarmente importante in cui “la tendenza alla sedentarietà ha in gran parte guadagnato terreno a partire dalla crisi del Covid-19” , a causa dei successivi confinamenti e del ricorso al telelavoro in particolare.

“D’accordo con il medico curante, ad esempio, potrebbe essere inviato un semplice questionario al paziente se sta attraversando una fase particolare della sua vita, per valutare il suo rapporto con lo sport e aiutarlo a cambiare le sue abitudini se necessario. Un’altra soluzione, ” favorire l’uso di un contapassi” o di un orologio connesso per registrare i movimenti giornalieri, il numero di passi, la perdita di calorie, la frequenza cardiaca in modo da avere dati concreti sul dispendio energetico giornaliero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.