Influenza, gastroenterite, bronchiolite, varicella… Le infezioni virali hanno spesso una qualche forma di stagionalità. A causa della natura infettiva della SARS-CoV-2 responsabile del Covid-19, molti contavano sull’estate per vederlo scomparire. “Ci aspettavamo l’implementazione di una stagionalità che non è mai accaduta”, spiega il professor Vincent Maréchal, virologo del Centro di ricerca di Saint-Antoine (Università di Inserm/Sorbonne). “Ora siamo nella settima ondata. E nel tempo, non c’è stata davvero una pausa. Le ultime onde si adattano quasi insieme. »

Così, dall’inizio dell’estate 2020, il virus è tornato. Lo stesso nel 2021. E il 2022 è già segnato da un massiccio aumento del numero di casi, “che, dati i livelli di circolazione nelle acque reflue, sembra più importante che nella seconda ondata di settembre – novembre 2020”, continua Vincent Maréchal.

Un cocktail di fattori

Per questo specialista, i fattori che determinano la stagionalità delle infezioni virali respiratorie e il loro impatto sulla salute non sono ancora ben compresi. Secondo lui, “una combinazione di diversi elementi può spiegare la persistenza del Covid”.

“Il virus viene trasmesso dall’aria e questa trasmissibilità è influenzata dalla temperatura e dall’umidità dell’aria”, ricorda. “Così la SARS-CoV-2 preferisce condizioni secche e fredde, tra 5 e 15°C. L’inverno è quindi più favorevole, perché viviamo più in casa, ventiliamo meno, Ma questo non significa che il traffico si fermi in estate. »

Un altro elemento è l’inquinamento atmosferico. In effetti, sembra che ci sia una “correlazione tra la gravità dei casi e i livelli di inquinamento, come i livelli di particelle fini, i livelli di ozono e biossido di azoto il cui impatto sulla salute è più visibile in estate. »

Terzo fattore esplicativo, “cambiamenti nel comportamento della popolazione. Che si muovono di più in estate, promuovendo la circolazione del virus. L’estate è anche un periodo di convivialità, dove i contatti sociali – specialmente tra i giovani – sono frequenti. Per non parlare del fatto che quando fa caldo, cadono i gesti di barriera, come indossare una maschera, più difficili da sopportare quando le temperature sono alte. »

Rimane la questione dell’immunità. Che è fornito dalla vaccinazione o dopo la contaminazione (questa è l’immunità naturale). Ma questo non protegge il 100% dell’infezione e non impedisce la trasmissione. Perché più del ritmo delle stagioni, è quello delle varianti che sembra dettare la sua legge. Il recente arrivo di BA.4 e BA.5, particolarmente contagiosi e in grado di sfuggire alla risposta immunitaria, sta facendo rivivere l’epidemia. “Scavalcano la barriera stagionale e circolano più facilmente. »

L’immunità della “popolazione” sta lottando per essere stabilita, così come la stagionalità possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.