Per alcune persone, l’arrivo della neve rende nervosi e risveglia i dolori articolari o i reumatismi, per altri è calmante. Gli studi dimostrano che i cambiamenti di temperatura influenzano il nostro corpo.

Salute – L’inverno si sta insediando ovunque in Italia. Le temperature si abbassano e la neve fa la sua comparsa sulle montagne, e a volte anche sulle pianure.

Prima che arrivi, alcuni bambini sono nervosi, più eccitati del solito. È solo una coincidenza? Dietro la credenza popolare, c’è effettivamente un legame tra il tempo e la salute.

Lo studio delle interazioni tra il clima e gli esseri viventi ha persino un nome: biometeorologia. I ricercatori americani hanno scoperto che gli scolari sono particolarmente irrequieti e difficili da controllare quando la pressione dell’aria è significativamente più bassa. Sono generalmente più calmi nei giorni limpidi e più stanchi nei giorni nuvolosi.

Questo è dovuto alla variazione della pressione dell’aria ovvero la pressione generata da una colonna d’aria in un determinato punto. In generale, quando la pressione è bassa, c’è più umidità, nuvole e precipitazioni che può portare alla neve.

Quando la pressione è alta, l’aria è più secca e il tempo è bello. “Nel 2014, uno studio olandese in sei paesi europei, dall’Inghilterra alla Spagna alla Svezia, ha dimostrato che la sensibilità al tempo esisteva in alcune persone, indipendentemente da fattori psicologici come l’ansia o la depressione, ma anche dalla classe sociale o da fattori di sovrappeso”, dice alla rivista Plus Anne Peretz, responsabile di reumatologia all’ospedale universitario Brugmann in Belgio.

Gli studi dimostrano che le variazioni della pressione dell’aria non si sentono solo nelle persone con l’osteoartrite, caratterizzata dalla degenerazione della cartilagine, ma anche nell’artrite reumatoide, nella spondiloartrite, nella fibromialgia e anche nella lombalgia.

E la spiegazione è semplice, a seconda delle variazioni della pressione atmosferica, il corpo subirà una pressione o un’estensione, se una persona ha punti di sensibilità, sarà in grado di sentire queste differenze.

È un fenomeno di cui parla il presentatore meteo Louis Bodin nel suo libro “Nous sommes tous météo sensibles”, pubblicato da Albin Michel, il mal di testa e l’emicrania possono anche essere scatenati da un cambiamento improvviso del tempo o dall’alta pressione.

Il freddo umido colpisce i reumatismi, infatti la maggior parte delle persone che soffrono di dolori articolari si lamentano dell’influenza del tempo sul dolore e sulla rigidità. L’aria preme con una certa forza sui tessuti, il che riduce la loro congestione quando sono infiammati. Umidità, pioggia, neve e nebbia aumentano le infezioni respiratorie, poiché queste perturbazioni portano sulla terra batteri, virus e inquinanti trasportati dal vento.

Il freddo secco provoca la costrizione dei vasi. La pressione sanguigna e la viscosità possono aumentare, la frequenza cardiaca può aumentare e il rischio di coaguli di sangue e trombosi diventa più alto, portando a un maggiore rischio di infarto. Può anche portare ad attacchi di angina e aumentare significativamente il rischio di ictus. Infine, anche se ci pensiamo meno, inalare aria fredda può scatenare un attacco d’asma, soprattutto in caso di sforzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.