News – Quarantena ridotta e solo per i contatti stretti del positivo: questo l’orientamento del governo per quanto riguarda la gestione dei casi di Covid nelle scuole. «La prima indicazione è di andare verso l’omogeneizzazione dei comportamenti» sulle eventuali decisioni da prendere a scuola in caso di contagio da Covid. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in conferenza stampa a Palazzo Chigi dopo la cabina di regia sul Pnrr. «Come confermato anche dal professor Brusaferro – ha continuato – si sta andando anche verso un contenimento delle quarantene in particolare per chi è vaccinato».

Bianchi: bandi per nuove scuole

«Entro novembre siamo pronti a bandi per 5 miliardi, un punto fondamentale per sostenere la ripartenza del Paese. Si tratta di 3 miliardi per asili e scuole infanzia, 400 milioni per le mense, 300 per le palestre, 800 per le scuole nuove e 500 per la ristrutturazione degli istituti», ha detto il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in conferenza stampa a Palazzo Chigi dopo la cabina di regia sul Pnrr. Aver voluto cominciare il cammino del Pnrr dalla scuola dell’università e dalla ricerca è un segnale fortissimo che stiamo dando al Paese. È l’avere rimesso la scuola al centro del Paese in trasformazione. Il nostro cammino nel Pnrr ha due componenti essenziali: la componente delle riforme e la componente degli investimenti».«La componente delle riforme – ha spiegato – ha al centro le le persone, quindi gli studenti con tre riforme su cui stiamo lavorando: quella della formazione professionale, degli istituti tecnici superiori e sull’orientamento, che deve partire dalle scuole medie, cioè deve essre un accompagnamento per tutto il percorso superiore. I docenti, bisogna ridare dignità al mestiere di insegnante e quindi un’azione su stiamo lavorando le nuove norme per il reclutamento e contestualmente della formazione. Sia la formazione iniziale, sia quella in servizio. E poi la riorganizzazione del sistema didattico Stiamo lavorando alle nuove norme per il reclutamento dei docenti; e poi la riorganizzazione del sistema didattico».

Costa: «Green pass, un po’ di preoccupazione c’è»

«Dobbiamo assolutamente rivedere la questione legata alla quarantena», ha detto a “Radio Anch’io” su Radio Rai il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, e per farlo l’orientamento dell’esecutivo è di «non far scattare più la quarantena per tutta la classe di fronte a un caso positivo, ma solo per gli studenti che sono stati a più stretto contatto con il positivo» e di «ridurre i termini» dell’isolamento, poiché «siamo di fronte a ragazzi vaccinati».In merito all’estensione del green pass nei luoghi di lavoro pubblici e privati prevista dal 15 ottobre, Costa afferma: «Un po’ di preoccupazione c’è: nel momento in cui c’è una estensione forte e massiccia di una misura come il green pass, i primi giorni ci potrebbero anche essere delle problematiche. Ma io credo che gli italiani abbiano ben compreso l’importanza di questo strumento, quindi siamo fiduciosi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.