Super Green pass subito operativo. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge che introduce il Super Green Pass. In zona gialla e arancione nuove regole in vigore dal 29 novembre, in zona bianca dal 6 dicembre al 15 gennaio. L’obbligo vaccinale esteso non solo a docenti, forze dell’ordine e del comparto difesa ma anche ai vigili

News – Approda in Gazzetta ufficiale il decreto legge con cui il Governo ha introdotto mercoledì 24 novembre il Super Green Pass e con diversi aggiustamenti di tiro rispetto alle bozze circolate prima e dopo il Consiglio dei ministri.Tra le conferme la validità della “nuova carta di circolazione” per le persone vaccinate o guarite dal Covid: in zona bianca il Super Green Pass (rilasciato solo a chi è vaccinato o guarito dal Covid) avrà validità dal 6 dicembre al 15 gennaio. Ma il decreto comunque prevede un’eccezione: in area gialla o arancione il Super Green Pass sarà operativo già da lunedì 29 novembre e senza alcuna scadenza temporale. Il che significa su tutto il territorio non basterà il tampone negativo per entrare in ristoranti al chiuso, cinema, teatri, sala da concerto, discoteche e feste. Mentre basterà il green pass “base” (quindi sarà sufficiente anche il tampone negativo) per accedere a musei, palestre, piscine e i circoli sportivi al chiuso. Resta l’accesso libero per mangiare nei bar e ristoranti all’aperto e per fare attività sportiva all’aperto. Le stesse regole varranno per la zona bianca a partire dal 6 dicembre.

No Green Pass per under 12

Il decreto, che si compone di 10 articoli e prevede tra l’altro l’estensione dal 15 dicembre dell’obbligo vaccinale per alcune specifiche categorie di lavoratori, nella sua versione finale dispone esplicitamente che per i minori di 12 anni non c’è obbligo della carta sia nella versione del Green Pass base, sia nella nuova formula “Super” o “rafforzata”.

Vaccino obbligatorio anche per la polizia locale

L’obbligo vaccinale, inoltre, a partire dal 15 dicembre, viene esteso non solo al personale della scuola, del comparto difesa (esercito, marina, aeronautica e carabinieri), sicurezza (polizia, guardia di finanza, polizia penitenziaria, guardia costiera e corpo forestale) e soccorso pubblico (vigili del fuoco) ma anche alla polizia locale e al «personale che svolge a qualsiasi titolo la propria attività lavorativa alle dirette dipendenze del Dipartimentodell’amministrazione penitenziaria o del Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità, all’interno degli istituti penitenziari per adulti e minori». (Sole24ore)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.