Processato davanti al tribunale di Marsiglia, l’autista che provocò un incidente con uno scuolabus nel 2017 a Millas in cui erano morte 6 persone, venne ricoverato in ospedale per problemi cardiaci. I suoi avvocati sostengono una possibile “sindrome del cuore spezzato” dovuta allo stress. Di cosa si tratta ?

Salute – Il 24 settembre, Nadine Oliveira, sotto processo a seguito di una collisione tra lo scuolabus che stava guidando e un TIR nel 2017 a Millas nei Pirenei Orientali, ha avuto un infarto ed è stata trasferita in terapia intensiva. Secondo il suo avvocato, citato dai nostri colleghi di France Bleu Roussillon, ” sarebbe stata vittima della sindrome di Tako-tsubo, detta anche sindrome del cuore spezzato “, e si sarebbe incrinata nervosamente sotto le domande delle parti civili.

Il Tako-tsubo, una realtà medica

Questa sindrome del cuore spezzato è stata descritta per la prima volta negli anni ’90 dai cardiologi giapponesi. Tako-Tsubo prende il nome da una pentola di ceramica usata dai pescatori per intrappolare i polpi. Quando si verifica questa sindrome, il cuore assume effettivamente la forma di questa trappola.

Cardiomiopatia da stress

Quando si verifica il Tako-tsubo, il ventricolo sinistro si ferma e si gonfia come un palloncino provocando i sintomi di un infarto: sensazione di oppressione, dolore al petto, difficoltà respiratorie e palpitazioni.

Questo disturbo può manifestarsi dopo eventi fisici o emotivi intensi. Che si tratti di eventi sfortunati (lutto, rabbia…) o felici come dopo una grande gioia ” Sotto l’influenza di uno stress significativo, grandi quantità di ormoni (compresa l’adrenalina, ecc.) vengono rilasciate nel sangue e stordiscono il cuore “, ha spiegato nel 2018 il dottor Eric Bonnefoy Cudraz, capo del pronto soccorso del Louis Pradel- Ospedale Hospices Civils di Lione. “ Osserviamo quindi i sintomi di un infarto ma senza che il muscolo cardiaco venga danneggiato. Il cuore si riprende abbastanza rapidamente, a differenza di un infarto, dove il recupero richiede diversi mesi .

Tuttavia, nel 20% dei casi, possono verificarsi alcune complicazioni (improvviso calo della pressione sanguigna, edema nei polmoni, embolia, aritmia cardiaca, ecc.). Per questo ” il paziente deve seguire lo stesso andamento dell’infarto” raccomanda Eric Bonnefoy Cudraz.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.