Nella regione Auvergne-Rhône-Alpes, regione francese che confina con la Lombardia, è appena iniziata una campagna di vaccinazione senza precedenti. Si rivolge in particolare ai giovani dai 16 ai 24 anni e ai bambini da 0 a 2 anni, a seguito dell’emergere di una variante del meningococco B che in pochi mesi ha contagiato una dozzina di persone e causato un decesso.

Salute – Non meno di 56.000 persone, adolescenti, giovani adulti e giovani genitori, hanno ricevuto o riceveranno nei prossimi giorni una lettera dell’Agenzia sanitaria regionale Auvergne-Rhône-Alpes, che li invita a vaccinarsi contro meningococcico B.

In particolar modo nelle province di Chambéry e dell’est di Lione, in pochi mesi sono stati rilevati una dozzina di casi (di cui uno mortale), di cui gli ultimi due a fine luglio. Per questo motivo le autorità sanitarie francesi hanno intrapreso in quella zona una campagna di vaccinazione contro questo batterio. Ai genitori di bambini di età compresa tra 0 e 2 anni, l’Agenzia chiede di “assicurare che il loro bambino sia stato vaccinato, secondo le nuove raccomandazioni dell’Alta Autorità per la Salute (HAS)” in quanto questo vaccino è raccomandato e non fa parte dei vaccini obbligatori.

Inoltre la vaccinazione viene fortemente raccomandata agli adolescenti e ai giovani adulti dai 16 ai 24 anni, le quali appartengono alla fascia di età delle persone più contagiate dalla nuova variante meningococcica B, che non sarebbe né più contagiosa né più virulenta delle precedenti, e che sarebbe ben coperta dai vaccini già esistenti per i ceppi patogeni del sierogruppo B. Ma di cosa stiamo parlando esattamente?

Batteri presenti nella gola

Il meningococco B è in realtà un batterio normalmente presente nella gola e nel naso di molte persone. Può essere trasmessa per via aerea o salivare, che richiede un contatto stretto (meno di un metro) e prolungato (almeno un’ora) con un paziente o un portatore sano. Molto spesso, ricorda il ministero della Salute, i meningococchi non causano particolari malattie, “Ma in alcuni condizioni possono causare malattie molto gravi “.

Si parla di meningite, infatti, quando il meningococco infetta il fluido e le membrane che circondano il cervello e il midollo spinale e di sepsi meningococcica quando si diffonde in tutto il corpo, che provoca quindi “un’infezione generalizzata del sangue e di vari organi” ed entrambe possono essere fatali.

Trattamento antibiotico

Febbre, forti mal di testa spesso accompagnati da vomito, sono i principali sintomi di un’infezione meningococcica invasiva. “Il malato può avere anche ridotta coscienza, colore del viso pallido o addirittura grigio, diarrea oltre a febbre e vomito, intolleranza alla luce o al rumore, torcicollo, dolori muscolari, grave affaticamento, forte sonnolenza, paralisi oculare o convulsioni .

La rapida comparsa di una o più macchie rosse o violacee sul corpo è un segno serio che richiede il trasferimento urgente in ospedale. “La gravità e il rischio di un rapido sviluppo delle infezioni meningococciche richiedono l’attuazione di un trattamento antibiotico il più rapidamente possibile” , spiega l’Institut Pasteur. Questo viene fatto per via endovenosa e di solito viene continuato per 4-7 giorni.

Quanto alla prevenzione, si tratta essenzialmente della vaccinazione “nei soggetti a rischio e in situazioni specifiche (casi raggruppati ed epidemie)” come, ad esempio, la situazione attuale nella regione Auvergne-Rhône-Alpes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.