Hai le gambe storte! Quante volte abbiamo sentito questa frase! Espressione spesso usata per chi aveva problemi alle ginocchia. Ma veramente dipende tutto dalle gambe? Vediamo insieme allora, quale sia la 

causa di questa problematica che troviamo nel VALGISMO e nel VARISMO delle ginocchia. Sono due problematiche completamente diverse ed ognuna di loro potrebbe comportare delle complicazioni sulla 

nostra postura e quindi sulla nostra quotidianità.

Si definisce un ginocchio VARO quando femore e tibia non sono allineati perfettamente, infatti, se 

avviciniamo i malleoli tra di loro, si formerà uno spazio tra le ginocchia. Il ginocchio varo è maggiormente 

frequente negli uomini, spesso tipico di chi gioca a calcio, causato da una deformità naturale della tibia che 

si assume in posizione fetale. Si corregge automaticamente nei primi mesi di vita, anche se, in alcuni casi 

può persistere fino ai 2 – 3 anni. 

Parliamo di ginocchio VALGO invece quando, unendo le due ginocchia, si formerà uno spazio tra i malleoli. 

Il ginocchio valgo è tipicamente femminile e si corregge da solo entro i 5 – 6 anni di età. 

Sia il valgismo che il varismo non si presentano nella stessa forma ma varia da persona a persona e dal 

grado di severità: forma lieve (fino a 10° di angolo femoro-tibiale), moderata (10°-20°) e severa (> 20°).

Quali sintomi caratterizzano questa patologia? Chi soffre di questa problematica, generalmente, ha difficoltà a camminare, dolore e/o gonfiore alle ginocchia e potrebbe avere la predisposizione a future lesioni alla cartilagine oppure ai menischi. Soprattutto chi soffre di varismo, potrà sviluppare futuri problemi artrosici o alla cartilagine dovuti questi, ad una problematica da sovraccarico del compartimento 

interno del ginocchio.

Cosa fare? Come sempre, rivolgersi ad un ortopedico che ci prescriverà una semplice radiografia sotto 

carico (in piedi) oppure, qualora fosse necessario, una radiografia panoramica (radiografia completa degli 

arti inferiori).

Come va trattato? Nel bambino, come già detto, si corregge automaticamente ma, se la problematica 

dovesse persistere, magari con sintomatologia dolorosa, allora è il caso di pensare di intervenire 

chirurgicamente. Nell’adulto invece va trattato solo se associato a sintomi (dolore, gonfiore).  Possiamo 

agire anche con la terapia conservativa, ma sempre in presenza di dolore, utilizzando delle infiltrazioni 

oppure solette o plantari con cuneo correttivo per migliorare la deformità e ridurre il peso sul comparto del 

ginocchio sovraccaricato.

Ascoltiamo il nostro corpo per vivere meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.